Galeno2000 – EVENTI – Report sulla Cerimonia

ORDFARNA MedaglieProf 2013 12 _0001Ordine dei Farmacisti di Napoli. Medaglie alla Professione, 2013

Oltre mille i presenti al Teatro-Auditorium della Mostra d’oltremare di Napoli per la cerimonia di consegna delle Medaglie e il “Giuramento di Galeno”.

Non li abbiamo contati i presenti, ma occhio e ragione fanno la propria parte in simili occasioni: il teatro della mostra ha una capienza 820 posti. L’area sottopalco, i corridoi, le scale di accesso alle varie aree poltrone e i sotto-porta  stipati e il conto torna.

 Teatro-Auditorium Mediterraneo – Mostra d’oltremare – Napoli 

Oltre mille i presenti tra farmacisti da premiare accompagnati da familiari invitati, dirigenti ordinistici e sindacali di categoria,  oltre a 497 scalpitanti giovani neo-farmacisti, ed ancora semplici iscritti all’albo e una nutrita presenza di Autorità. E il conto torna… altro che torna.

Padrone di casa e cerimoniere il Prof e Doc farmacista Vincenzo Santagada, Presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Napoli, che condurrà l’intera cerimonia fin oltre la mezzanotte, introducendo interventi personali e di ospiti: il Presidente della FOFI Senatore Andrea Mandelli, il Presidente della Giunta della Regione Campania On.le Stefano Caldoro, il Presidente della Provincia di Napoli On.le Antonio Pentangelo, la Presidente nazionale del sindacato titolari di farmacia Dott.ssa Annarosa Racca, il collega Michele Di Iorio, attivissimo farmacista con passionale perspicace mentalità dirigenziale,  e tanti altri. Una intera cerimonia mirabilmente intercalata da Santagata nel filo di un originale filmato riproducente l’impegno e le problematiche dei farmacisti napoletani nel variegato corso dei cinquanta anni ormai decorsi. Impegno permanente nella difesa dei principi istituzionali della professione, tra le mille difficoltà del sistema Italia nel comparto delicatissimo della salute, in cui il farmacista è professionista indispensabile nelle proprie diversificazioni professionali. Un impegno pubblicamente sottolineato da parte dei politici presenti proiettato sempre nell’interesse primario della salute, del paziente-cliente, attraverso il dialogo tra categoria, ordine professionale, livelli  istituzionali nazionali, regionali e locali… Il tutto nel solco di una tradizione culturale e professionale che vive a diretto contatto con l’Università ed in particolare con la Facoltà di Farmacia.  La ricerca e l’impegno in una forte caratterizzazione professionale, al passo con la evoluzione scientifica di comparto.

Un ricordo iniziale per i Farmacisti che negli anni ormai alle spalle hanno costituito l’asse portante delle organizzazioni ordinistica e sindacale di Napoli. Un commosso pensiero al collega Lucio Viviani, voluto come presidente onorario dell’Ordine per la molteplice attività svolta per oltre un quarantennio negli organismi Ordine e Federfarma di Napoli.  Lucio Viviani, un collega di recente passato all’al di là, ma presente nei colleghi, non solo di Napoli,  per il forte impegno nella categoria.

Ed in un clima di fiero e misurato orgoglio il cerimoniere ha consegnato le medaglie ricordo ai vari gruppi di farmacisti, collaborato dalle Autorità presenti.

Cinquanta anni”, “Quaranta anni” e “25 anni” : questi i tre gruppi ricordati e premiati con relativa medaglia appositamente coniata.

 Quindi ancora un momento di doveroso riconoscimento: la consegna di una targa alla giovane collega Felicia Rusciano,  di recente balzata ad onor di cronaca,  per aver salvato una vita di una persona anziana, colpita da arresto cardiaco in una chiesa di Napoli  nel corso di una messa. E ciò era stato possibile grazie al prontissimo intervento esperto della collega Rusciano, forte della specifica preparazione ricevuta ai corsi di formazione in rianimazione organizzati anche con defibrillatori presso l’Ordine dei farmacisti di Napoli.

E veniamo al Giuramento dei neo farmacisti, secondo il testo approvato dal Consiglio nazionale FOFI il 15 dicembre 2005. Il giuramento è ormai il legame morale della categoria alla tradizione, tenuto in forma solenne. Non vuole essere un atto retorico, ma si auspica che sia il richiamo etico all’esercizio dell’ arte farmaceutica in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento, in scienza e coscienza e nel rigoroso rispetto delle leggi, dei regolamenti e delle normative di deontologia professionale. Testualmente così recita il Giuramento. Personalmente riteniamo che nell’adeguamento operoso dei farmacisti a tale dettato è posta la concreta durata nel tempo di una professione sanitaria in un contesto sociale,  senza confini territoriali e temporali.   

In ultimo il report del riconoscimento speciale dei farmacisti napoletani con la consegna del “Caduceo d’oro” alla farmacista Mariella La Rotonda, che da oltre 50 anni , sin dal conseguimento della laurea in farmacia ha intrapreso la dura carriera di docente presso la facoltà di farmacia dell’ateneo napoletano, quale titolare della cattedra di “tecnica e legislazione farmaceutica”  e raggiungendo livelli di stima di ricercatrice anche oltre confine.

Sono molti i farmacisti, antesignani sostenitori della meccanizzazione telematica, che da anni  assistono, delusi, al procrastinarsi dell’utilizzo della vera ricetta elettronica. Nel contempo l’ Ordine di Napoli ha fatto proprio l’utilizzo di un sistema comunicativo telematico a mezzo collegamento streaming realizzato per la “cerimonia delle medaglie 2013” . Un collegamento del sito ordinistico con il teatro- auditorium  mediterraneo a mezzo streaming,  che si ha motivo di ritenere abbia consentito a molti farmacisti impossibilitati a recarsi alla “mostra”  in specie quelli in servizio notturno, di poter assistere in tempo reale alla cerimonia da casa o addirittura dalla farmacia.

Auspichiamo che tutta la ripresa filmata della serata  sia possibile vederla a breve su YouTube… e conservare memoria delle tante testimonianze e delle tante dichiarazioni d’intento e di riconoscenza,  registrate nella cerimonia al mediterraneo. Venendone a conoscenza ne daremo notizia anche ai nostri lettori,  che potranno così avere quella completa informazione e documentazione su quanto lacunosamente abbiamo riportato su “galeno2000” circa la cerimonia delle medaglie alla professione. DSCN1833 Stemma e mortaio Dino Nota personale.  E’ noto a diversi colleghi  che a scrivere il presente report  è un farmacista, ormai avanti negli anni. Sì, io ;  uno dei “medagliati 40”, che ha vissuto con senile commozione la cerimonia, tra i tanti colleghi vecchi e nuovi incontrati ancora una volta nel percorso professionale.Non sempre ho condiviso scelte e comportamenti,  vivendo la professione nella categoria. Senza dubbio, chi mi conosce bene e di più, sa quanto coerentemente io abbia sostenuto i miei principi.  E ciò sin dai tempi del corso di studi alla Facoltà di farmacia Federico II, dove ho ricoperto, per diversi anni in epoca covelliana , l’incarico elettivo di segretario studenti.  Poi i contrasti catapaniani:  la categoria in perenne contrasto se non scontro, poi le sterili divergenze tra le varie figure professionali forse troppo impregnate di ideologica lotta di classe tra classi e nei propri meandri. Poi la consapevolezza del danno derivante dalle strumentali pilotate e controllate divisioni. Poi le astruserie legislative di ministri e relativi apparati burocratici.  Poi il falso paradiso commerciale  della liberalizzazione,  quale diversivo ad un sistema farmacia non globale,  ma in decomposizione per miope  lottizzazione delle componenti produttrici di reddito e di funzione,  nel pieno disastro della gestione pubblica della sanità.  Il tutto accompagnato dalla  disastrosa caduta morale a rimorchio di una politica famelica pervasa di immoralità.

Risultanza?  Ciascuno dei lettori ha la propria risultanza… e forse nessuno può ergersi a latore universale. Mentre stento ad essere ottimista, riesco, forse per incantamento, a sognare una classe di farmacisti-cittadini in linea con quel giuramento propugnato ai neo-farmacisti …

Mi resta lucida nella mente e nel cuore la cerimonia testé vissuta. Una cerimonia che per oltre tre ore,  in un turbinio di ricordi ora lieti ora tristi , mi ha fatto rivivere i tanti anni in farmacia … diciamo una vita, essendo figlio d’arte con una innata passione per tale professione.  “

7  dicembre 2013 – ore 3.00 –     Gerardo Nigro

Pagine collegate: galeno2000-Eventi-Ordine dei Farmacisti di Napoli. Medaglie alla Professione, 2013

  

 

Gerardo Nigro

Farmacista, pensionato.